SCIA edilizia, passati 30 giorni il comune non può intervenire

10 Giugno 2020

La sentenza 1276/2020 del Tar Salerno afferma che il comune non può sospendere o diffidare i lavori edilizi consentibili con SCIA oltre i termini previsti.

Il TAR della Campania, infatti, ha decretato che:

«il ricorso è manifestamente fondato e, come tale, meritevole di accoglimento, stante il vizio assorbente di tipo procedimentale, che inficia l’atto gravato in termini di illegittimità, adottato in violazione dei termini procedimentali legalmente prescritti in materia di SCIA»

Ha quindi avuto esito positivo, il ricorso presentato da un privato cittadini contro un’amministrazione comunale.

Vediamo nel dettaglio.

SCIA edilizia, passati 30 giorni il comune non può intervenire

Il ricorso, accolto il 1° ottobre 2020, è arrivato da parte di un cittadino che chiedeva al Comune di Castellabate di ritirare:
nota di diniego al progetto di SCIA in Variante per la “Divisione immobiliare e cambio di destinazione d’uso parziale ai piani terra” presentata dai ricorrenti;
nota di preavviso di rigetto al progetto di SCIA in Variante;
– tutti gli atti presupposti, conseguenti e consequenziali.

In quanto, il ricorrente era titolare del permesso di costruire con variante autorizzata con nota prot., nonché dell’autorizzazione paesaggistica.

L’Amministrazione procedente, in risposta, ha comunicato il preavviso di diniego, mentre, in data 01.07.2020, ha esternato il diniego definitivo con successiva nota prot., unitamente a tutti gli atti connessi e conseguenziali.

Il diniego e tutti gli atti connessi sono poi stati depositati in data 28.07.2020.

Leggi anche: SCIA per cambio destinazione d’uso, il locatario può presentarla?

SCIA edilizia, il responso della sentenza

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno ha quindi affermato che:

l’Amministrazione procedente ha esercitato i suoi poteri repressivi oltre il termine di legge di trenta giorni, formalizzando il diniego stesso in un tempo addirittura maggiore.

Ci sono, infatti, precisi termini procedimentali legalmente prescritti in materia di SCIA, che nel caso di specie l’ente locale non rispetta.

Il TAR ricorda che:
l’art. 19, comma 6 bis, della legge 241/1990 dispone che “nei casi di SCIA in materia edilizia, il termine di sessanta giorni di cui al primo periodo del comma 3 è ridotto a trenta giorni”;

il decorso dei termini previsti per l’esercizio del potere inibitorio circa i lavori oggetto di SCIA o di DIA, ovvero 30 giorni dalla presentazione della medesima, comporta la definitiva consumazione del potere inibitorio stesso e il consolidamento della situazione soggettiva del dichiarante/segnalante (T.A.R. Firenze, Sez. III, 07/02/2020, n.177;T.A.R. Cagliari, Sez. II, 31/07/2017, n.517);

– è parimenti illegittimo l’operato dell’Amministrazione comunale che, in presenza di SCIA per la realizzazione di un intervento edilizio, adotti provvedimenti di diffida a non proseguire le opere, di sospensione dei lavori o di demolizione dopo che sia decorso il termine di trenta giorni previsto per il consolidamento del titolo, senza fare previo ricorso all’adozione di poteri in autotutela e senza alcuna motivazione in punto di interesse pubblico alla rimozione del titolo annullato e di necessaria comparazione tra interesse pubblico e interesse privato e di prevalenza del primo sul secondo. diversamente opinando, si finirebbe per negare ogni rilevanza alla prescrizione di legge secondo cui l’Amministrazione può e deve inibire i lavori entro trenta giorni e si introdurrebbe nel sistema un elemento di profonda incertezza, rendendo necessario individuare, nel silenzio della legge, quale possa essere il “termine ragionevole” entro il quale l’Amministrazione può annullare senza motivare sull’interesse pubblico (T.A.R. Latina, Sez. I, 06/06/2018, n.290; T.A.R. Milano, Sez. I, 29/12/2016, n.2488).

>> Scarica la sentenza in formato PDF <<

Libro completo su permessi e autorizzazioni per i lavori edilizi

La disciplina edilizia e paesaggistica dopo il c.d Madia SCIA 2 e il d.P.R. 31/2017

Claudio Belcari, 2019, Maggioli Editore

Interpretare e padroneggiare la disciplina edilizia, urbanistica e ambientale è diventato un lavoro dif- ficile e “pericoloso”. Non basta, infatti, possedere le giuste cognizioni tecniche e adottare quella che il codice civile chiama la cura “del buon padre di…

48,00 € 43,20 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

ebook sulle novità in edilizia dopo il DL semplificazioni

LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI (D.L. 76/2020) – eBook

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore

Il decreto legge 76/2020 (c.d. decreto Semplificazioni) modifica pesantemente il Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), introducendo importanti novità in materia di semplificazione delle procedure, variazione delle definizioni degli interventi edilizi e nuove regole più…

14,90 € 13,41 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Superbonus 110% dopo i decreti attuativi

eBook in pdf di 95 pagine sul Superbonus al 110 per cento: tutti i lavori agevolabili e le novità dopo la pubblicazione dei decreti attuativi MISE e la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 24/E dell’8 agosto 2020.

AGGIORNAMENTI GRATIS FINO AL 31 DICEMBRE 2020

Il Superbonus 110% dopo i decreti attuativi – ebook

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Aggiornato con i decreti attuativi del MISE e la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 24/E dell’8 agosto 2020. – Cessione del Credito e Sconto in fattura, detraibilità spese accessorie, limite oneri professionali, visti e asseverazioni

17,58 € 15,50 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Articolo SCIA edilizia, passati 30 giorni il comune non può intervenire di Ediltecnico.